Poesie
di Filippo Jacazio

Vroom!
Things
Gli occhi sono lo specchio dell'anima
Noi
barra.gif (1564 bytes)

VROOM ! 

Sopra i fossi, giù dalle discese,  
la velocità è un delicato equilibrio  
di occhio e coraggio, di mano e di vento. 
Il rumore che senti è un cuore che batte 
sette, otto, novemila volte al minuto,  
e non è ancora stanco,  
neanche quando vuoi fermarti un momento,  
con un piede per terra,  
e lo sguardo già in cima alla prossima salita. 
  

THINGS 

Ci sono cose 
Che non si possono 
Vedere, 
Che non si possono 
Toccare, 
Che non si possono 
Annusare 
Né ascoltare. 
Cose grandi, silenziose, 
Potenti e inarrestabili, 
Cose che si possono 
Soltanto sentire, 
E basta la loro percezione 
A farci capire 

Ci sono cose, ma vorremmo, 
Con tutta l’ anima vorremmo che non ci fossero  
Mai state 

Come ombre, 
La loro origine 
Non é nella realtà 
Ma dietro, a un passo da noi 

Ci sono cose, e ne abbiamo paura 
Perché quello che sentiamo è troppo forte 
Per sopportarne la vista. 
Immaginiamo, ma la nostra immaginazione 
Non ci difende dall’ orrore 

Vorremmo non sentire 
Perché ci sono cose, 
E non potrebbero non essere 

Quello che non sappiamo 
Non può farci male, 
Quello che immaginiamo 
Può farci morire dal dolore... 
  

GLI OCCHI SONO LO SPECCHIO DELL’ANIMA 

Non ci sono occhi che possano vedere  
nel buio caotico che avvolgo a stento. 
Non c‘é un colore, non una luce, una figura 
su cui possano soffermarsi per avere 
la sensazione di essere ancora vivi. 
Dentro di me la negazione della vista, 
la morte dello sguardo. 
Due occhi ciechi sono l’unico specchio in frantumi 
di un’anima senza più magia. 

NOI 

Chi sei tu,  
se non una canzone nel silenzio, 
se non vita nel deserto, 
se non una luce nel buio, 
se non un fuoco nel gelo, 
se non un fiore fra i sassi, 
se non amore dentro di me? 
Chi sono io, 
e cosa sarò mai, 
se non musica per accompagnare quella canzone, 
se non acqua per quella vita, 
se non colori per far risplendere quella luce, 
se non legna per quel fuoco, 
se non terra per quel fiore, 
se non amore dentro di te? 
Chi siamo noi, 
se non parole e musica dello stesso concerto? 

Tutti abbiamo una lucina 
che ci permette di illuminare un piccolo cerchio intorno a noi 
oltre il quale il buio sembra più fitto. 
Uniamo le nostre due luci, 
e il nostro cerchio sarà più grande, 
e il nostro mondo sarà più brillante, 
e la nostra vita sarà soltanto nostra 
per sempre 

barra.gif (1564 bytes)

Isola Sarda © 1997-2005 - Associazione Culturale Ciberterra - Responsabile: Giorgio Plazzotta
I contenuti appartengono ai rispettivi autori - Tutti i diritti riservati
The contents belong to the respective authors - All rights reserved